catarsi danilo talarico

Teatroterapia & Astrologia
TERAPIA, ARTE, CATARSI

“Il teatro possiede la terribile ed indipendente capacità terapeutica di demistificare gli
intrighi e le illusioni che intessono la nostra esperienza: è dunque indispensabile per un
vivere autentico”.
(W. Shakespeare)

 

L’etimologia del termine terapia, che deriva dal greco therapéia, indica “servizio” e l’abbinamento di questo servizio al teatro sta ad indicare che proprio quest’arte può essere considerata un valido aiuto per ritrovare il benessere e per riconquistare la libertà di essere se stessi attraverso l’espressione creativa.

Alla base della Teatroterapia vi è la concezione che la parola e il gesto siano un tutt’uno, che l’una derivi dall’altro e che entrambi dovrebbero servire ad esprimere il vero Sè, rinnovando lo spirito del gioco, il solo in grado di disinibire l’azione e quindi di permettere la libera espressione di sentimenti e desideri non ancora riconosciuti dall’individuo. Questo approccio si basa sull’esperienza del teatro del Novecento e sul lavoro dell’attore su se stesso, utilizzando le metodologie di Stanislavskij, Grotowski e Barba, e attingendo a testi di tutte le epoche teatrali. Si riferisce inoltre alla psicoanalisi freudiana e a Jung per il
suo lavoro sui sogni, sui simboli e sull’inconscio.

L’aspetto catartico del teatro ci riporta di nuovo all’antica Grecia, sia per il significato del termine che deriva dal greco Kathàiro, “io pulisco, purifico”, sia per il collegamento con la tragedia greca fatto da Aristotele per il quale la catarsi era la purificazione dalle proprie passioni di chi assisteva ad una sua rappresentazione. L’arte drammatica era per Aristotele imitatrice della realtà e, riproducendone i fatti gravi, sanguinosi o luttuosi, li sublimava in un sentimento misto di pietà e di terrore, ponendo in
qualche modo rimedio alle angosce quotidiane.

In un’epoca più vicina alla nostra il termine catarsi viene recuperato in ambito psicanalitico  e psicoterapeutico per indicare la liberazione dalle tensioni psichiche attraverso la rievocazione e il recupero di particolari pensieri o ricordi biografici.  Nello psicodramma e nelle arti-terapie il termine catarsi viene utilizzato col significato di scarica, sfogo, espressione e liberazione che avviene attraverso la rappresentazione, mediante la quale l’individuo può contattare e comprendere gli aspetti più profondi della sua realtà psicologica ed esistenziale.


'Teatroterapia & Astrologia
TERAPIA, ARTE, CATARSI' non ha commenti

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Vorresti condividere i tuoi pensieri?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

due × 2 =

Scroll Up