Pranoterapia Olistica
SCOPRI GLI EPICENTRI ENERGETICI DEL CORPO

Gli epicentri energetici del corpo sono posizionati per lo più su quello che viene chiamato il meridiano della Vescica Urinaria, il più lungo del nostro copro coi sui  ben 67 punti. Ha origine vicino ai dotti lacrimali, sale sulla testa e scende lungo la schiena fino alle gambe facendo due volte il giro fino a terminare al quinto dito (mignolo) all’angolo esterno dell’unghia.

La maggior parte dei suoi punti sono quindi situati sulla schiena, ai lati della colonna vertebrale a circa un pollice e mezzo di distanza da essa. A quasi ogni vertebra è energeticamente collegato un organo o un viscere e l’agopunto al suo lato ha un’azione diretta sulla parte del corpo connessa.

Questi punti sono chiamati SHU; il carattere cinese SHU significa trasportare, infatti hanno il compito di portare direttamente l’energia (Qi) agli organi interni; l’ideogramma con cui è raffigurato rappresenta una barca che trasporta qualcosa attraverso un fiume.

Quando si trattano gli organi interni, gli altri punti funzionano stimolando il Qi (energià) del meridiano che poi scorre lungo il canale come un’onda, fino a raggiungere gli organi interni. Se ad esempio trattiamo il punto Fegato 3 Taichong diamo origine ad una piccola onda intorno al punto e che scorre lungo il canale, partendo dal piede fino a raggiungere il Fegato. Se trattiamo Vescica 18 Ganshu (Shu del Fegato) raggiungiamo l’organo direttamente senza dover passare attraverso il canale, quindi in maniera più veloce e diretta.

Ogni punto prende il nome dall’organo corrispondente, ad esempio, il numero15 Xinshu è “Shu di Cuore”, il 19 Danshu è “Shu di Vescicola Biliare” e così via. I punti Shu sono molto importanti sia nel trattamento che nella diagnostica, infatti un rigonfiamento, un arrossamento, una contrattura o un dolore possono non solo dirci che è in corso un’infiammazione nel nostro corpo, ma anche un segnale più profondo che può dirci molto su un dato organo interno e più intimamente parlarci di un’emozione che sta distrubando in qualche modo il nostro equilibrio energetico.

Il capitolo 67 del “Nan Jing” dice: “Le malattie Yin vanno verso lo Yang; le malattie Yang muovono verso lo Yin.” Questo significa che punti di Shu Posteriori si trovano sulla superficie Yang (Schiena) e quindi curano le malattie Yin. Secondo questa affermazione, i punti Shu Posteriori sarebbero utilizzati per il trattamento di “malattie Yin” (croniche). Sono infatti particolarmente importanti nel trattamento di questo tipo di situazioni e si può affermare utilizzare questi punti sia il modo più efficace per intervenire sulle cronicizzazioni. Essenzialmente il lavoro su questi punti si usa in queste situazioni, anche se può essere benissimo utilizzato in quadri cosiddetti “da Pieno” (acuti). In particolare, possono essere utilizzati per sottomettere il Qi ribelle e purificare il Calore. Ad esempio, il punto Vescica 21 Weishu (Stomaco) può essere utilizzato per sottomettere il Qi “ribelle” di Stomaco in caso di eruttazione, nausea o vomito. Il punto Vescica18 Ganshu (Fegato) può essere utilizzato per muovere il Qi stagnante di Fegato. Vescica15 Xinshu (Cuore) può essere utilizzato per purificare il “Fuoco di Cuore” e Vescica13 Feishu (Polmone) per stimolare la diffusione e la discesa del Qi di Polmone e liberare l’Esterno.

Un’altra caratteristica dei punti Shu del Dorso è che sono utilizzati per influenzare i 5 sensi attraverso l’organo corrispondente. Ad esempio, Vescica18, Ganshu, è il punto Shu del Fegato e può essere utilizzato per le malattie oculari. Allo stesso modo, attraverso i Reni, agiamo nei confronti dell’udito, attraverso i Polmoni sull’olfatto e così via.

Il monaco taoista e guaritore Jeffrey Yuen durante una delle sue proverbiali lezioni di Medicina Tradizionale Cinese ha definito la colonna vertebrale “la scala della vita” proprio perché su di essa ci sono i segni del nostro stato di evoluzione. Saper leggere il mal di schiena può voler dire dare un significato più profondo a qualcosa che appare “meccanico”: questa può essere la strada per risolvere alla radice ciò che proviamo dentro da lunga data.

Per chi vuole approfondire l’argomento, i punti Shu del dorso sono menzionati in vari capitoli del Huangdi Nei Jing (Il Canone di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo): il capitolo 51 del “Ling Shu” (Perno Spirituale) elenca i punti Shu Dorsali dei cinque Zang (Organi) mentre il capitolo 59 del “Su Wen” (Domande semplici dell’Imperatore Giallo) discute quelli dei Fu (Visceri).


'Pranoterapia Olistica
SCOPRI GLI EPICENTRI ENERGETICI DEL CORPO' non ha commenti

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Vorresti condividere i tuoi pensieri?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

cinque × 2 =

Scroll Up