LO STOICISMO DEL TIPO CAPRICORNO

Spesso l’infanzia del Capricorno è segnata da una non facile, intensa o complicata relazione con il padre, che talvolta può significare la sua perdita e il doversi assumere responsabilità da adulto molto presto nella vita. Talvolta potrebbe trattarsi di un padre severo e distante, oppure debole e instabile.
Talvolta potrebbe averne un’immagine molto idealizzata e talvolta ancora, il padre potrebbe essere una figura prestigiosa con cui il bambino Capricorno sente che non potrà mai competere, o il cui amore sembra quasi impossibile da ottenere.

I primi trent’anni della sua vita non sempre sono facili: ci sono casi in cui il giovane Capricorno appare del tutto non capace di realizzarsi, un vagabondo instabile, insicuro della propria meta, e a volte sembrerebbe aver rinunciato a tutto accollandosi un futuro improbabile con un lavoro che non ama. Osservandolo più da vicino si può comunque notare che ha sempre una meta da raggiungere: il tipo psicologico Capricorno, infatti, nella prima parte della sua vita, deve apprendere molte cose, mediante la dura esperienza e un lungo addestramento che gli consentono di sviluppare una potente determinazione, una grande ambizione e un’immensa forza di volontà.

Anche se è probabile che il tipo Capricorno individui la vera meta da raggiungere dopo i quarant’anni, una volta che inizierà a muoversi per raggiungerla, niente potrà intralciarlo, per quanti contrattempi ed ostacoli possa incontrare.
Il posto a cui è destinato il tipo Capricorno è là fuori, sul palcoscenico della vita, a organizzare e strutturare le colonne portanti della Società, nutrendo una sua personale visione di come il collettivo può funzionare al meglio.

Il tipo Capricorno può essere una figura solitaria, isolata, che scala la sua montagna privata e, quando il cammino si fa più aspro, non accetta né aiuto né comprensione e preferisce arrangiarsi da solo. Non è facile fargli favori: è lui a farli alle persone che ama. È capace a dare, soprattutto se si tratta di cose materiali, ma non altrettanto a ricevere.
Da una parte è sostenuto da un enorme orgoglio, e dall’altra ha paura di dimostrarsi dipendente o debole e non sopporta di trovarsi in situazioni sulle quali non può avere il controllo.

A causa della sua natura terrena e controllata, non è predisposto a esprimere amore e affetto in modo rilassato. Questo non significa che non provi dei sentimenti e, in fondo al suo cuore, covi persino un segreto romanticismo, che si impegnerà a non far trasparire.
Per il tipo Capricorno le relazioni umane, soprattutto quelle su cui riversa un alto carico emozionale, sono rappresentano, spesso, il suo “tallone d’Achille” perché lo costringono a spogliarsi della sua armatura protettiva, cosa che non vorrebbe mai fare. La sua titubanza ad aprirsi al “sentire” può essere sciolta solo dal dono dell’amore, che gli insegna ad avere fiducia nella vita e a liberare il bambino che è nascosto dentro di lui.


'LO STOICISMO DEL TIPO CAPRICORNO' non ha commenti

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Vorresti condividere i tuoi pensieri?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

tre × tre =

Scroll Up