IL TIPO AQUARIO e LA RICERCA DELL’AUTENTICITÀ

Quando l’inverno è a metà del suo percorso, tutti i semi, ancora nascosti nel terreno, sono ormai pienamente maturi e cominciano a risvegliarsi. Mentre nell’atmosfera spira un vento freddo, che genera aria pura, le piccole radici si aggrappano alla terra, si arricchiscono di nuove sostanze portate dalla pioggia e cominciano a espandersi in tutte le direzioni: l’acqua, a contatto con l’aria, accende la vita, e i germogli cercano il cielo.
Questo periodo del ciclo della Natura viene chiamato mese Aquario che, pur rappresentando la funzione junghiana Pensiero, collegata all’elemento Aria, ha un riferimento esplicito all’Acqua a cominciare dal nome.

Osservando il glifo che lo rappresenta possiamo vedere un tratto ondulato che sembra stilizzare una “M” ripetuta due volte, simbolo che ci rimanda all’immagine delle onde del mare, delle vette di un complesso montuoso, delle onde elettromagnetiche o del tracciato di un elettrocardiogramma.
Il significato più profondo di questo glifo è la rappresentazione di due entità, il Cielo e la Terra che, pur riconoscendosi distinte, si proiettano l’una nell’altra: il Mondo “di sotto”, l’acqua del mare che accarezza la terra e poi si ritrae per lasciare spazio ad essa, e il Mondo “di sopra”, l’Aria che, con una scarica elettrica, diventa fuoco.

Al centro di questo nutrimento reciproco e continuo tra Cielo e Terra si situa l’Uomo, portatore del suo simbolo più importante: il cuore.
Un cuore che, mentre nel Leone viene rappresentato fisicamente, col suo incessante battito che produce passione, istinto e vitalità, nell’Aquario diventa cuore psichico, rappresentazione del Sé, nel quale dobbiamo avere fede anche se, etereo come l’aria, non è percepibile con i nostri cinque sensi e scarica la sua energia come un lampo che improvvisamente ci illumina aprendo un varco nella nostra coscienza.
Il tipo psicologico Aquario, fortemente legato al suo bisogno di autenticità e libertà, mette la spinta al rinnovamento al servizio della crescita della psiche e, per svolgere bene il suo compito, deve aver prima costruito una volontà molto solide.

Il vivere sociale, infatti prevede delle regole: una serie di diritti e di doveri che creano un equilibrio tra le parti. Quando non c’è questa accettazione di fondo, il pensare con la propria testa rifiutando le imposizioni, disobbedendo alle regole e smettendo di indossare “abiti sociali” riconosciuti dal “gruppo”, potrebbe far cadere il tipo Aquario nell’Ombra della ribellione sterile, della stravaganza al limite dell’ostentazione, dell’anarchico gusto per la polemica fine a se stessa.

Il tipo psicologico Aquario auto-realizzato guarda, invece, al futuro perché sa che è arrivato il momento giusto per farlo, perché la forma delle strutture esistenti non è più funzionale al loro mantenimento, e, contemporaneamente, ha appreso molto bene la lezione del passato, rinnovando “ciò che è stato” e rendendolo più adatto a un Mondo in continuo movimento.


'IL TIPO AQUARIO e LA RICERCA DELL’AUTENTICITÀ' non ha commenti

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Vorresti condividere i tuoi pensieri?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

3 + undici =

Scroll Up